Russia: possibile stop al gas per l'Europa

Causa contrasti forniture con Ucraina che deve a Mosca 2,4 miliardi di dollari

Image

 
 La Russia «non esclude» l'interruzione delle forniture di gas all'Europa occidentale, a causa della disputa con l'Ucraina per il mancato rimborso dei debiti di Kiev.
Lo rende noto il governo russo in un comunicato. Il ministro russo dell'Energia, Sergei Shmatko, ha sollecitato l'Ue perché inviti l'Ucraina a rispettare i suoi impegni sul transito del gas.
La nuova messa in guardia arriva a poco più di una settimana dalla possibile chiusura dei rubinetti, se gli ucraini non completeranno entro il 31 dicembre il pagamento dei 2,4 miliardi di dollari richiesti. Sinora Kiev ha versato 800 milioni.
Viktor Zhubkov, presidente di Gazprom e primo vice premier russo, ha affermato infatti che «non può essere esclusa l'interruzione della fornitura di gas all'Europa a causa della posizione dell'Ucraina e di alcuni passi da essa compiuti».
Problemi con il gas anche tra Tagikistan e Uzbekistan. L'agenzia russa Itar-Tass cita il direttore dell'impresa statale del gas del Tagikistan, Fatkhiddin Mukhsiddinov, che accusa il governo uzbeko di aver fissato a 300 dollari per mille metri cubi il prezzo del gas per il 2009, un livello «sbalorditivo» e più che raddoppiato rispetto al 2007. Mukhsiddinov ha reso noto che il Tagikistan continuerà a negoziare per una riduzione, ritenendo che 145 dollari nelle attuali condizioni di mercato sia un prezzo già sufficientemente alto.
da CorrieredellaSera.it