OSLA. Contratto industria

OSLA e ANIS s’incontrano


OSLA comunica che il 29 novembre le delegazioni di OSLA e ANIS si sono incontrate con l’intento di valutare, nel rispetto delle proprie diverse identità, un percorso parallelo, ma comune nel fine di sollecitare la politica a porre in essere un concreto percorso di riforme normative e di investimenti sul piano delle infrastrutture.

Le due categorie hanno affrontato anche il tema del contratto industria.

OSLA ribadisce come il contratto stipulato con l’USL non solo è un contratto legittimo sul piano giuridico, ma è anche uno strumento innovativo e migliorativo per l’economia del paese, in grado di dare respiro alle imprese uniformandosi alle loro esigenze e rappresenta un segnale di democrazia di cui il paese aveva necessità e sentiva il bisogno.

OSLA si ritiene disponibile ad affrontare intorno ad un tavolo comune il tema dell’esigenza di riformare la legge n. 7 del 1961 che disciplina a tutt’oggi il principio della rappresentatività, migliorandolo nell’interesse di un mercato del lavoro moderno e nell’interesse quindi delle aziende della Repubblica.

E’ chiaro che, per il principio della certezza del diritto, qualsiasi modifica ad una legge comunque oggi esistente dovrà essere concertata e condivisa da tutte le associazioni di categoria e dalle parti sociali giuridicamente riconosciute