Reintrodotta la franchigia per i frontalieri

Confermata a quota 6.700 euro



Ora l'iter, che prevede il passaggio per l'approvazione al Senato e poi alla Camera dei deputati, non dovrebbe riservare sorprese.

A Roma c'è ottimismo, anche grazie alla spinta bipartisan che ha permesso di centrare il risultato.

La conferma della no tax area reintrodotta in commissione finanze a 6.700 euro per i 5.500 lavoratori arriva proprio dalle pagine Facebook dei due parlamentari riminesi Sergio Pizzolanteed Elisa Marchioni.
"Frontalieri è fatta. La commissione - scrive il parlamentare PDL- approva la franchigia che e' ora nel maxiemendamento per la fiducia Al Senato” .
La collega del Pd conferma: "Per la proroga della franchigia dei frontalieri: la buona notizia è che è inserita, a 6.700 euro come per quest'anno, nel maxiemendamento che ha parere positivo del governo e dei relatori”.

San Marino ringrazia per l'impegno e l'interessamento bipartisan.

Ma ora tocca a San Marino fare un passo: il riferimento all' articolo 56, più noto come tassa etnica.

All'esecutivo del Titano i parlamentari riminesi hanno infatti chiesto “di risolvere la discriminazione fiscale nel trattamento dei lavoratori d'oltreconfine”.

A tal fine il Csir avvierà dopo le feste di Natale una serie di incontri con le autorità sammarinesi per arrivare al confronto e alla risoluzione del problema.

da www.sanmarinortv.sm