Agenzia per lo Sviluppo Economico: accordo con la Camera di Commercio italo-lussemburghese

La Repubblica di San Marino e il Granducato del Lussemburgo non sono solamente due piccoli Stati che condividono le ridotte dimensioni territoriali e l'assenza di sbocco sul mare. Da qualche settimana infatti condividono anche un accordo che semplificherà la vita alle imprese sammarinesi alla ricerca di nuovi mercati esteri e alle imprese lussemburghesi interessate ad investimenti in Repubblica.

L'accordo, sottoscritto da Agenzia per lo Sviluppo Economico – Camera di Commercio di San Marino e Camera di Commercio italo-lussemburghese, ha l'obiettivo di rafforzare la collaborazione, prevedendo l'erogazione di nuovi servizi nell'ambito commerciale tra i quali lo scambio di informazioni doganali, la ricerca di agenti e distributori, l'organizzazione di incontri nei rispettivi territori.
I contatti tra i due Paesi sono favoriti dalla presenza in loco del Console Fabio Morvilli, che riveste anche il ruolo di Presidente dell'ente camerale italo-lussemburghese.

Nonostante il motore dell'economia lussemburghese rimanga il settore finanziario, il governo locale sta adottando politiche di diversificazione del tessuto produttivo. Assumendo l'Italia come mercato di riferimento, si evince che i principali prodotti esportati comprendono mezzi di trasporto, macchinari e apparecchiature, prodotti chimici, manufatti e prodotti alimentari (dati 2017).

A beneficio delle imprese sammarinesi interessate ad intraprendere percorsi di internazionalizzazione, occorre ricordare che dal 2011 è in vigore l'Accordo per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e sul patrimonio, conforme agli standard OCSE.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare il desk Think Global https://www.agency.sm/think-global