Nuovo webinar di ASE-CC dedicato, in particolare, ai professionisti italiani, sul trasferimento dei beni fra SM e Italia. Più in generale, operazioni di import-export con Paesi UE ed extra-UE.

Il nuovo appuntamento, previsto per giovedì 10 febbraio, alle ore 15:00, sempre nel segno della collaborazione con l’Ordine Sammarinese dei Dottori Commercialista ed Esperti Contabili, porrà particolare attenzione alla gestione documentale e alle imposte indirette correlate alle operazioni di trasferimento dei beni (con o senza vendita) da e verso San Marino.

Dopo un primo webinar che ha posto a confronto i due sistemi IVA e monofase, con 550 iscritti - professionisti perlopiù italiani, l’Agenzia per lo Sviluppo Economico-Camera di Commercio, torna sugli aspetti tecnici delle relazioni economiche fra gli operatori e i professionisti italiani, europei ed extracomunitari, per accrescere la conoscenza delle nostre specificità, ed attraverso questo della giurisdizione sammarinese nel contesto internazionale.

Questo secondo webinar, tenuto dalla Dott.ssa Monica Zafferani, sarà dunque una nuova occasione di confronto e rafforzamento dei legami tra professionisti italiani e sammarinesi. Una più stretta relazione con gli ordini professionali, e non solo, che il potenziato utilizzo degli strumenti telematici oggi agevola in modo significativo, è infatti per Agenzia un passaggio fondamentale per accrescere opportunità di business. In quest’ottica sono state mappate diverse tematiche, in accordo con l’ODCEC, che vanno dagli accordi contro le doppie imposizioni, alla rappresentanza fiscale, dalle procedure concorsuali ad un aggiornamento sulla fatturazione elettronica. Le date sono indicate nella sezione webinar del sito web di ASE-CC https://www.agency.sm/,

L’iscrizione obbligatoria, a titolo gratuito, va effettuata compilando il form sul sito di Agenzia al seguente link https://www.agency.sm/webinar/adempimenti-doganali-per-import-export-di-beni-fra-sm-italia-altri-paesi-ue-e-paesi-extra-ue-focus-sm-ita

Il riconoscimento dei crediti formativi è demandato agli Ordini di competenza.